Guida semina plumerie

La fioritura si presenta nel mese di maggio e prosegue per tutta l’estate. I fiori sono piuttosto grandi, carnosi e s spuntano alla sommità dei rami. In base alla varietà abbiamo fiori rosa, rosso, bianco, giallo o arancio. Vi sono anche fiori dai petali più caratteristici centralmente gialli che sfumano verso l’esterno nel bianco.

Le fioriture sono molto profumate: infondono nell’aria un profumo molto inteso e gradevole. Per le forme e i colori ricordano vagamente quelle dell’oleandro ma i grappoli possono essere composti addirittura da cinquanta fiori! I fiori possono essere a cinque o sette petali.


I semi della plumeria si presentano con una parte più dura e una parte più morbida, detta ala. Nel momento in cui il seme deve essere messo nel vaso la parte dura va messa dentro la terra mentre la parte morbida al di fuori. Bisogna ricordare che la pomelia soffre e non riesce a sopravvivere con temperature inferiori ai 5°C, quindi in inverno dovreste sostare la pianta al riparo. 

Scegliete un terriccio fertile, misto a corteccia, sostanza organica e perlite. In alternativa potete comprare un terriccio specifico per le cactacee, è perfetto per la pomelia che condivide con le cactacee le medesime esigenze nutrizionali.

Il terreno di coltivazione dovrà essere ricco e leggero, in grado di smaltire velocemente l’acqua.

Se la fioritura è assente (pomelia senza fiori) è probabimente a causa di una caranza d’acqua. La plumeria necessità di irrigazioni costanti e abbondanti, appena l’acqua scarseggia la pianta decide di sacrificare per primi i boccioli florali e garantirsi la sopravvivenza delle parti fotosintetiche (foglie e parti verdi).
 

Il frutto di Plumeria è un baccello (follicolo) disposto a coppia provvisto di numerosi semi dai 20 ai 100 a seconda della specie, lunghi circa 1-2 cm a seconda della specie e formati da una parte da un'ala (per la dispersione ad opera del vento) e da una parte "grassoccia" posta all'altra estremità che contiene l'embrione.

© 2018 by seminasemi