Sono di aspetto grossolanamente simile alle palme, ma la somiglianza non deve trarre in inganno: si tratta di piante molto arcaiche, affini più alle conifere.Sono per lo più esemplari arborei o arbustivi, con grandi foglie pennate disposte all'apice di un fusto non ramificato o poco ramificato, che nelle specie più grandi può raggiungere i 20 metri.Hanno due tipi di foglie: le foglie assimilatrici, che sono verdi, molto grandi, pennate o bipennate, disposte a spirale all'apice del fusto, dove formano una corona, e foglie non verdi, lanuginose, la cui funzione è quella di proteggere le gemme.Nella parte radicale si trovano delle radichette secondarie con ingrossamenti coralliformi che ospitano colonie di cianobatteri, quali Nostoc e Anabaena.Sono piante dioiche, con fiori maschili (microsporofilli), formati da numerosi elementi, a forma di squama o di scudo, che portano sulla faccia inferiore sacche polliniche in numero variabile disposti a formare strobili terminali, e fiori femminili (macrosporofilli) che si trovano in gran numero nella parte sommitale del fusto, con l'aspetto di foglie pennate che racchiudono gli ovuli, in numero di 4-8, inseriti al margine.L'impollinazione avviene in natura ad opera del vento e degli insetti. In coltivazione di solito si preleva lo strobilio maschile e si agita sopra il fiore femminile fino a quando i fiori non si chiudono: a quel punto vuol dire che la fecondazione è avvenuta.La fecondazione avviene per mezzo di spermatozoidi cigliati mobili nel liquido che riempie una "camera pollinica" situata all'apice dell'ovulo.Dopo la fecondazione la parte esterna del tegumento che avvolge l'ovulo diviene carnoso e il seme finisce con il somigliare ad una drupa.

Temperatura minima: - 6 °C

5 semi di Chamaedorea glaucophylla "palma dei sogni"

€ 3,10Prezzo

    © 2018 by seminasemi