Per la coltivazione fagiolini, gli esemplari di questo tipo possono essere seminati dall'inizio della primavera fino all'estate inoltrata, in quanto per crescere hanno bisogno di un clima non freddo. Nel caso in cui ci si trovi in una zona particolarmente fredda, è meglio attendere il mese di maggio, quando sarà terminato il periodo delle gelate notturne: la pianta del fagiolino teme infatti il freddo eccessivo. Non è necessario far nascere le piantine nel semenzaio: i semi possono essere messi direttamente a dimora nel terreno dove abbiamo intenzione di coltivarli. Importante è la preparazione preventiva del terreno: dobbiamo vangare la porzione di orto scelta almeno quattro settimane prima della semina, con una vangatura profonda circa quaranta centimetri. Durante quest'operazione, si potrà unire al terreno del concime organico (consigliato lo stallatico), che renderà la terrà ricca di elementi nutritivi. Importante per la corretta crescita di questi ortaggi è il drenaggio: per aumentarlo, si può mescolare al terreno durante la vangatura della sabbia a grana fine. In questo modo, si eviterà che l'acqua delle irrigazioni formi delle pozze, che porterebbero le radici al marciume.
La semina si effettua praticando delle buche nel terreno, profonde circa venti centimetri. In ogni buca si sistema un seme: fra l'uno e l'altro si deve rispettare una distanza di almeno quindici centimetri (stessa distanza che ci deve essere fra le diverse file). I semi devono poi essere coperti con del terriccio, e annaffiati a pioggia, senza abbondare.
I fagiolini possono essere coltivati anche in vaso: queste piante hanno però bisogno di molto spazio, quindi dovremo dotarci di capienti vasi di terracotta (profondi almeno quaranta centimetri) e di sostegni che dovranno essere interrati accanto alle piante.

10 SEMI DI FAGIOLINI NANI MINIDOR

€ 1,50Prezzo

    © 2018 by seminasemi